Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Informazioni relative alle possibilità di rientro in Italia

Data:

07/04/2021


Informazioni relative alle possibilità di rientro in Italia

1) Informazioni utili per i cittadini italiani in rientro dalla Polonia e per i cittadini stranieri in ingresso in Italia  (inclusi aggiornamenti di cui al DPCM del 2 marzo 2021 e all'Ordinanza del 30.03.2021 adottata dal Ministro della Salute, come prorogata con Ordinanza del 2.4.2021):  In sintesi, si evidenzia che, dal 31 marzo al 6 aprile 2021, tutti coloro che hanno soggiornato o transitato, nei 14 (quattordici) giorni antecedenti all'ingresso in Italia, (anche) in Polonia, indipendentemente dall’esito del test molecolare o antigenico già richiesto per l’ingresso in Italia, devono sottoporsi anche a un periodo di 5 (cinque) giorni di quarantena presso l'abitazione o la dimora, previa comunicazione del proprio ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio. È obbligatorio, inoltre, effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei cinque giorni di quarantena. Si applicano le eccezioni già previste dall’art. 51 comma 7 del DPCM 2 marzo 2021. Per dettagli e chiarimenti, si rimanda a www.viaggiaresicuri.it  e https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html

2) Altre informazioni utili relative ai rientri dalla Polonia:
La sospensione generalizzata al traffico areeo internazionale da/per la Polonia è stata rimossa il giorno 16 giugno 2020. A seconda dell'evolversi della situazione epidemica nel mondo, le Autorità polacche possono tuttavia disporre la sospensione dei voli diretti in provenienza da alcune specifiche destinazioni. La lista dei Paesi, in aggiornamento, è pubblicata alla seguente pagina web https://www.gov.pl/web/coronavirus/travel. Al momento, tale misura  restrittiva non riguarda i voli da/per l'Italia. Si invita pertanto a far riferimento diretto alle compagnie aeree per maggiori informazioni sull'effettiva tenuta dei normali voli da/per l'Italia. Si evidenzia inoltre che, fino a diversa comunicazione, è vietato l'imbarco dei passeggeri la cui temperatura corporea è pari o superiore a 38 gradi; che non hanno consegnato la dichiarazione sulle condizioni di salute secondo il modello fornito dalla compagna aerea; che non rispettano l’obbligo di coprire il volto (vds. normativa polacca http://dziennikustaw.gov.pl/D2020000106601.pdf)

A partire dal 13 giugno 2020 sono progressivamente ripresi anche i collegamenti ferroviari tra Polonia ed altri Paesi dell'UE, ferme restando il rispetto delle condizioni per l'ingresso degli stranieri nei rispettivi territori (su cui si rimanda ai siti web delle Ambasciate d'Italia in loco). Possono invece registrarsi ancora restrizioni nel traffico ferroviario internazionale da/per Paesi extra UE.

Sono inoltre aperti alcuni valichi di frontiera per l'attraversamento in automobile o in autobus - nel rispetto della normativa vigente relativa all'ingresso degli stranieri in Polonia - e per il passaggio delle merci.

Per quanto concerne gli italiani presenti sul territorio polacco ed in procinto di rientrare in Italia, alla luce delle vigenti disposizioni adottate dalle Autorità italiane, si invita a prendere attenta visione di quanto riportato alle pagine web https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html e www.viaggiaresicuri.itSi evidenzia che con DPCM del 2 marzo 2021 e con Ordinanza del Ministro della Salute del 30 marzo u.s. sono state confermate alcune misure restrittive riguardanti anche gli arrivi dai Paesi dell'UE, inclusa quindi la Polonia. Si rimanda pertanto ad un'attenta lettura delle citate pagine web e al rispetto di quanto ivi indicato.

ATTENZIONE: E' possibile che le singole Regioni italiane stabiliscano regole specifiche per l'ingresso nel territorio regionale. Si raccomanda quindi a chi fa ingresso nel Paese di informarsi specificatamente sull'esistenza di eventuali regole diverse, vigenti nelle Regioni che si desidera visitare.

Al momento, tra le possibilità alternative all'aereo per lasciare la Polonia, si segnala che è consentita l’uscita dal Paese in automobile. Prima di intraprendere il viaggio, oltre a prendere attenta visione delle regole disciplinanti il rientro in Italia dall'estero, si raccomanda di monitorare gli aggiornamenti relativi ai Paesi che si intende attraversare visitando il sito www.viaggiaresicuri.it  ed i siti web delle Ambasciate d'Italia in loco, che potranno essere contattate in caso si necessiti di ulteriori chiarimenti.

Si suggerisce inoltre di verificare la presenza di autobus privati che effettuino servizi di trasporto dalla Polonia verso l’Italia a beneficio di numeri contenuti di passeggeri (clicca qui per maggiori informazioni). Si ricorda a ciascun passeggero l’obbligo di  rispettare le prescrizioni vigenti al momento e riguardanti l’ingresso in Italia e negli altri Paesi di transito. Si segnala inoltre che alcune compagnie di linea di autobus in partenza dalla Polonia stanno progressivamente riattivando alcune corse per l'Italia. Si invita pertanto a monitorare anche questa possibilità direttamente con le compagnie di trasporto.

Si invita altresì a verificare la presenza di autobus di linea in partenza dalla Polonia verso altri Paesi UE , accertandosi previamente che da lì siano poi disponibili voli per l’Italia o altre opzioni per il rientro in Italia, di aver verificato le condizioni previste per l'ingresso degli stranieri in detti Paesi (eventualmente prendendo contatto per maggiori informazioni con le Ambasciate italiane lì presenti, visitandone i rispettivi siti web o telefonicamente) e di aver preso visione delle regole disciplinanti il rientro in Italia dall'estero.

Ricordiamo infine che all’eventuale rientro in Italia dovrà seguire il rispetto pedissequo di quanto disposto dalle Autorità italiane.


514